Questo sito utilizza cookie tecnici, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Settore Storia e memoria del '900 / Incontro : "Il bambino nascosto"

SEDE VIA DELLA CECCHINA
AI DOCENTI
AL PERSONALE ATA
AGLI STUDENTI CLASSI IV / V
ALLE FAMIGLIE

Oggetto : Settore Storia e memoria del '900 / Incontro : "Il bambino nascosto"
Si comunica che martedì 7 maggio p.v., dalle h.11.00 alle h. 12.45, presso l'Aula Magna della sede di via della Cecchina , si terrà l' incontro "Il bambino nascosto", con la presenza del testimone Gianni Polgar, sopravvissuto alla Shoàh (v. Allegato 1). L'iniziativa è destinata a tutte le classi V e IV della sede che ne faranno richiesta attraverso i loro insegnanti.
Roma, 3 maggio 2019
Il Dirigente scolastico
Prof.ssa Daniela Crestini
Firma autografa sostituita a mezzo stampa
Ai sensi dell'art. 3 c. 2, del D. Lgs 39/93


ALLEGATO 2
Gianni Polgar : "Il bambino nascosto"
Gianni Polgar è nato a Fiume da una famiglia di origine ungherese. «Mio padre era avvocato, fu radiato dall'albo e nella primavera del 1939 ci trasferimmo a Roma. Io fui nascosto all'istituto De Merode a piazza di Spagna. Vaglielo a spiegare a un bambino di 7 anni che il suo nome non era più Gianni ma Franco Terenzini, che quella signora che veniva a trovarti non era tua madre ma zia Annetta, altrimenti ti portano via, che devi dire di essere orfano con i genitori morti sotto un bombardamento e soprattutto che non puoi recitare le preghiere che ti hanno insegnato. Ce n'erano altri di bambini ebrei, ci fecero fare i chierichetti e anche Prima Comunione e Cresima. Nella maturazione uno elabora certi fatti ma ti lasciano segni indelebili». Il resto della famiglia rimasto a Fiume non ebbe la stessa sorte e finì sterminata ad Auschwitz.